trauma-cranico-upper-cervical-treviso

Recensione di ricerca: il possibile ruolo del Trauma Cranio-Cervicale e le Idrodinamiche Anormali di CSF (Fluido Cerebro-Spinale) nella Genesi della Sclerosi Multipla

Di cosa tratta la ricerca?

Questo articolo di ricerca si concentra su come un trauma Cranio-Cervicale (alla testa e/o al collo) possa causare Sclerosi Multipla come conseguenza ad anormali idrodinamiche di CSF (Fluido Cerebro-Spinale). Gli otto pazienti MS (con Sclerosi Multipla) studiati in questo articolo avevano due cose in comune:
1. un flusso CSF anormale, come dimostrato da esami di risonanza magnetica verticale
2. una storia di traumi Cranio-Cervicali.

Qual è la scienza dietro questa ricerca?

Il fluido cerebrospinale (CSF) è un liquido chiero e senza colori che bagna cervello e midollo spinale. Anche se la funzione primaria del CSF è di ammortizzare il cervello all’interno del cranio e servire come inglobatore dell’impatto per il sistema nervoso centrale, il CSF circola anche sostanze nutrienti e chimiche filtrate dal sangue e rimuove le sostanze di scarto dal cervello.

Il fluido cerebrospinale può essere alterato nel collo a causa di spostamenti anormali della colonna cervicale che portano a lesioni della colonna spinale e del cervello. Un CSF alterato crea una pressione idrostatica anormale nel cranio che spinge il CSF nel tessuto del cervello. In più, il flusso turbolento del CSF può anche lacerare i tessuti neurologici sensibili del cervello e del midollo spinale.

Perché è importante?

Questa ricerca è importante per tutti i pazienti, non solo quelli diagnosticati con Sclerosi Multipla. Questo studio indica che traumi a testa e collo non risolti possono causare danni neurologici che possono, a loro volta, portare a Sclerosi Multipla ma anche a miriadi di altre condizioni secondarie.

Cosa significa per me?

Se avete subito un trauma alla testa e al collo, è importante venir controllati nel nostro ufficio per spostamenti anormali nella spina cervicale. Potreste anche aver bisogno di un’esaminazione con risonanza magnetica per osservare il vostro flusso CSF anormale. Dopo un trauma cranico o del collo, la maggior parte di noi si preoccupa per gli effetti immediati del danno. Comunque, questo studio dimostra che dovremmo preoccuparci anche dei periodi prolungati di idrodinamiche CSF anormali e dei deficit neurologici conseguenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *